.
Annunci online

 
psicofecciaepsicoschifo 
...il problema stà nell'atterraggio...
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  mr. giusto
vincent
La Loggia
Jagga
Sapore di casa
  cerca

CARI PASSANTI, AMICI, PRESUNTI O REALI, VIRTUALI O CARNALI (non necessariamente in senso biblico), CHIUNQUE INSOMMA INCIAMPI IN QUESTO BLOG, SAPPIA CHE I CONTENUTI IN ESSO PRESENTI POTREBBERO OFFENDERE LA MORALE COMUNE. SI TRATTA COMUNQUE DI FACEZIE. SE AVETE PROBLEMI PSICHIATRICI, LA SINDROME DI ASPERGER, UN BASSO QUOZIENTE INTELLETTIVO, LA SIFILIDE, LA GOTTA O SIETE ANCORA FISSATI IN UN COMPLESSO DI ELETTRA IRRISOLTO PASSATE AD UN ALTRO BLOG - SENZA RANCORE, è MEGLIO PER TUTTI!

ABBIAMO UNA PROFESSIONALITà DA DIFENDERE, SPECIFICHIAMO FIN D'ORA CHE OGNI RIFERIMENTO A FATTI, PERSONE O LUOGHI REALI è PURAMENTE CASUALE! NOI NON ESISTIAMO, SE NON NELLA MENTE E NEI TUBI DI ALFIO SIFONCELLI.
BUONA LETTURA!!!!
 

 

Psicofeccia e Psicoschifo 



Non so perchè...
ma questo è il nostro drink!!!


 

Diario | Brutte storie di psicoschifo | L'angolo bieco di Psicofeccia | La capanna dello zio Fef |
 
Diario
1visite.

9 febbraio 2007

TAKESHI KITANO

Un angolo di serità per un povero fessacchiotto come me talora non può che fare bene!!Soprattutto a me!!!
è solo una piccola parentesi poi tornerò in psicoschifo e le sue lungimiranti tragicomiche storie.
Consiglio a tutti, quei pochi che incappassero in questo blog, i libri di Kitano.
Sì il regista Kitano (Dolls, Zatoichi, l'estate di Kikushijro, Violent Cop, Hana Bi, etc.) ha scritto due libri moltobelli e vi capitano sotto mano non fateveli sfuggire:
-Asakusa Kid e soprattutto 
- Nascita di un guru.

A me piace molto Takeshi Kitano sia come regista che come scrittore...aspetto insulti e commenti.
...beh... sono imbarazzato...cosa faccio...il serio???? beh fottetevi.... 




permalink | inviato da il 9/2/2007 alle 12:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 febbraio 2007

GRAZIE BLAUDIO!!!


ROBE DA NON CREDERE!
eppure qui a Formaggio piglia male, piglia male!
Le miei tasche urlano sempre e quindi mi sono buttato nelle attività più disparate dal mozzo al cameraman... ma mai nella vita avrei pensato di montare il palco per il mio cantautore preferito, mai nella vita avrei pensato che la fortuna ceca togliesse la benda per un attimo, mi guardasse, mi indicasse ammiccante e mi dicesse "sì cazzo (la fortuna è abbastanza volgare!!) tu, psicoschifo sei l'uomo giusto, porcoggggiuda e ora sei mio".... eppure è successo!La fortuna mi ha baciato, sono l’eletto! DA non credere!!
Da anni seguivo tutte le sue apparizioni televisive, tutte le sue date ai tour, le sue operazioni plastiche, compravo le sue magliette sbrilluccicanti...ma non era mai stato così vicino a Lui come ieri l'altro...da piccino (appena centenario) padre Alfio mi canticchiava le sue canzoni... e oggi sarebbe fiero di me sapendo che io ero lì, vicinissimo a Lui, al suo servizio!!!
Ora lo posso dire, sono “un unto dal signore”... ho montato e smontato il palco...di....(suspance!!)...di Blaudio Coglioni...già...che culo!!!
Proprio il mitico autore di grandi successi sempreverdi come "io vado là" e "questo piccolo glande amore"… è stato duro ho sgobbato sodo fino alle 6 del mattino (perché le date di Blaudio sono fitte fitte) circondato da punkabbestia e rumeni che mi urlavano dietro nel loro gergo! Portato casse, riportato casse, svitato alti, bassi, medi… ma la fatica non si faceva sentire… perché mi sentivo parte di qualcosa di più importante del mio bieco sentimento individuale, di qualcosa che trascendeva i luoghi comuni e le facezie, mi sentivo parte della canzonetta italiana…un filo unico da Pippa Laido a i Gialippese..un piccolo ingranaggio a servizio dell’arte italiana allo stato brado, dell’underground di S.Romolo.

Grazie Blaudio Coglioni… ti voglio bene!!!                        




permalink | inviato da il 9/2/2007 alle 12:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 febbraio 2007

Intervista di Indro-Fallaci a Psicofeccia, Psicoschifo e PsicoMorelli

Qual è il senso della vita, secondo voi?

… ?!?!????  Respirare. Soffrire. Gioire. Crescere.Vivere…???!!???

Che domanda del cazzo! Anche muschi e licheni vivono senza porsi queste domande del cazzo! Comunque a grandi linee vivere correttamente significa sfruttare al meglio tutte le correnti che il caso ci mostra nel nostro cammino…ma purtroppo anche questa frase lascia il tempo che trova!!!

“Non siamo nati per soffrire”. Anche ai giovani delle favelas la vita può sorridere.. IO VI POSSO AIUTARE!

 

Siete tutti e tre psicologi, come interpretate la vostra professione?

Mah.. in molti modi, dalla guida spirituale alla spalla su cui piangere a pagamento. Viviamo in una società che non ci da diritto a ciò che ci è dovuto… 3 minuti di attenzione!

Io farò del mio meglio!

Accettazione incondizionata non giudicante della sofferenza dell’uomo. Certo senza fare i maghi, i chiromanti, gli astrologi (come no?) o gli schow man. La scienza che studia l’uomo nella sua complessità!

Credo che essere psicologi, psicoterapeuti e fessi incredibili davanti alle telecamere serva soprattutto per dire luoghi comuni e fare il più velocemente possibile soldi, facendo leva sui più squallidi sentimenti di casalinghe frustrate! Io ad esempio sboffonchio frasi scontate e do consigli a casaccio senza conoscere in realtà i miei interlocutori, come ho imparato dal mio vero maestro…lo posso dire?... a sì… Osho (il redivivo Baguan)!

 

Cosa ne pensi del fenomeno dell’immigrazione, oggi?

Sono contro la proprietà privata, credo che la religione sia soltanto l’aspetto più superficiale della spiritualità, la cultura sia data da condizionamenti sociali ed educazione.. siamo tutti fratelli (o cugini!)!!!

Ma in fondo che ne so io. Credo che si sia tutti diversi e il povero uomo scimmia cerchi distinzioni laddove non conosce e non capisce. Siamo tutti diversi e le cose non sono così semplici come ci vogliono far credere politicanti e tutti quegli opinionisti da baraccone. Leggete libri e accettate la complessità della realtà. Non si sfugge! Umiltà!

“Siamo nati in un posto e non in un altro solo per un fottutissimo caso. E le cose per caso non sono motivo di vanto”

(M. Kundera, a ricordo.. da ricontrollare)

CONTRO TUTTI I NAZIONALISMI

Ma non so, è una tema che non ho trattato nei miei libri da cesso, dovrei chiedere a Costanzo cosa scrivere e cosa pensare su questa cosa.

 

Perché avete deciso di aprire un blog?

Per noia. Per amore di Alfio. Per amore del Trash*.

Ma in fondo che ne so io. Si era a bere a Violetta e si discorreva sul tornare adolescenti ed eccoci qua senza troppe pretese…una fuga dalla serietà.

Cos’è un blog??….io avevo detto che rispondevo solo alle domande che mi avevate inviato in precedenza… cazzo si vede che non siamo su Mediaset!

 

Credete che il vostro blog possa essere educativo per chi lo legge?

Se lo leggono con un minimo di sale in zucca..! o forse no.. va bene anche solo per farsi 4 risate. Meglio che tante altre cose..
Ma in fondo che ne so io…osservo oggi che tutte le cose vengono utilizzate in maniera approssimativa. Ogni giorno si strumentalizzano le più assurde minchiate per travisarne il senso all’occorrenza. Noi non diciamo nulla, o forse diciamo il nulla, saranno i più stronzi a vedere chissà quali ismi dietro ogni facezia!

Ehmmmmm….non so…. Certo comparirà talvolta pure una mia rubrica per aumentare la levatura del blog di psicofeccia e psicoschifo!


un immagine di Psicofeccia e Psicoschifo con al centro il loro maestro di vita PsicoMorelli




permalink | inviato da il 3/2/2007 alle 2:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 febbraio 2007

Ma cosa sarà mai il pozzetto sifonato???

Eccomi qui, la dottoressa Psicofeccia.

Fatta la zuppa, consumata la cena e avvenuta qualche spiacevolezza, adesso evito di presentarmi.

Ho scelto il colore verde vomito, quello biliare, di quando proprio hai davvero esagerato, di quando è meglio se ti prendi una pausa.


Adesso sono in bilico fra il Cervo dello Jagga che mi chiama dal comodino ed il mio cervello in preda a ripetuti attacchi di epilessia, a causa spero non di una malattia degenerativa, ma bensì dei nuovi tagli sulla qualità dei prodotti messi in atto a partire dal 2007 dalla mia barista di sfiducia.

Ma adesso voglio svelare l’arcano della nostra venuta alla luce (vedi PROFILO).

Ma cosa sarà mai il pozzetto sifonato???

Chi non si è mai posto questa importante domande esistenziale, insomma, come si fa a crescere sani di mente senza conoscere questo mistero?

Il pozzetto sifonato, per quei pochi ignoranti ed illetterati che non lo sanno, è un tubo che si trova  alla base dei lavandini o dei wc, e che in pratica collega lo scarico dei suddetti colla rete fognaria. È dove i pesci morti e le frattaglie che schiacciate giù per le tubature dei vostri lavabi, di cui io e Psicoschifo ci siamo saziati da piccini, confluiscono in tubi più grandi. La tipica tubazione curva a forma di "U" ha il fine di impedire il passaggio dei gas maleodoranti.


Mi commuove che da qualche parte nel mondo Alfio smonta e rimonta pozzetti sifonati, per mantenere i vizzietti dei suoi 2 figliocci.

 

Pf

 




permalink | inviato da il 2/2/2007 alle 1:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

1 febbraio 2007

LUNGIMIRANTE INTRODUZIONE DI PSICOSCHIFO

Sono Psicoschifo, il dottor Psicoschifo in questo momento Psicofeccia è alle prese con il tagliamento di una zucca per fare una minestra di zucca che poi la zucca ci è sempre piaciuta.Devo precisare un fatto, io e Psicofeccia purtroppo non abitiamo nella stessa città e questo è uno dei rari momenti che passiamo insieme, mangiando zucche per l’appunto e bevendo alcolici di infima qualità. Lontani siamo noi due fratellini. Psicofeccia, per l’appunto abita a Violetta, mentre io abito a Formaggio, sono solo due ore di distanza ma i treni si pagano a caro e prezzo e si sa non possiamo chiedere maggiori sacrifici al nostro povero padre Alfio “l’aggiusta pozzetto” (se avete letto la nostra storia capirete).  

Una volta anni fa avevo uno stile di scrittura semplice e lineare ma poi io e Psicofeccia ci siamo imbattuti nell’esimio lavoro della maestra di vita “Decisioneferrea Menteacuta” e abbiamo letto i suoi trattatelli filosofici per una notte intera. Beh, la mattina seguente abbiamo capito di essere stati toccati da un’illuminazione.

Perché scrivere bene quando si può semplicemente scrivere male e non fare capire nulla al lettore?

Meglio un messaggio celato e contorto o uno chiaro e lineare?

Potrei dire forse che innanzitutto il concetto è, seppur indifferentemente dalle tematiche trattate, un messaggio che quindi cela prima un totale diniego e perché la complicatezza del messaggio riluce forse poi che non ad uno sguardo più attento.

  

Sono il dottore Psicoschifo colui che ha tempo da perdere, colui che ieri ha bevuto alcolici di infima qualità, colui che va ora a mangiarsi la zucca.

 

Questo è il mio scritto e questo sarà il mio colore.

Color Merdarello come le storie che vi racconterò!

 

….un’alta birra per favore….fino a qui tutto bene…

 

p.s.




permalink | inviato da il 1/2/2007 alle 22:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia